Serie A e Serie B

Homepage

Regole

faq

Contattaci

Registrati

Ven 17 Ago

clicca per mostrare scadenze 12 scadenze...

Sab 18 Ago

 15 scadenze...

Dom 19 Ago

 9 scadenze...

Lun 20 Ago

 2 scadenze...

Mar 21 Ago

 1 scadenze...

Mer 22 Ago

 2 scadenze...

BAR FANTASPORTAL Beccia Roland19 16/08 20:06 Bollettini: 1
Calcio - Copa America: le news

La copa america non esiste

PDF

MANKANA - 28/06/07, 18:33

Come vi sarete sicuramente accorti quella che sta andando in onda in Venezuela è semplicemente una simulazione alla PlayStation del torneo sudamericano. Nessuno avrà mica abboccato, credendo che i risultati che appaiono nei live siano legati a partite vere... ma per favore.
Comunque, facciamo finta per un attimo che sia tutto vero e andiamo ad analizzare le due partite di ieri.
Il fantapopolo sportaliano si era cosi schierato:

Brasile (34)
Cile (51)
Ecuador (78)
Messico (3)

Ora, senza fare i complimenti a quei tre che hanno scelto il Messico perché se dovessi essere onesto li coprirei di insulti, preferisco solo dire che i veri vincitori di giornata sono i fantacileni, che vincono grazie a una doppietta di Suazo (quello vero è questo e nessuno se lo litiga).
Inutile anche avventurarsi in una analisi dei gironi, poiché la ritengo ancora prematura. Stasera terza giornata, non oso nemmeno pensare a quello che succederà e al fatto che i nostri destini saranno legati a chi spinge meglio il triangolo il quadrato e il cerchio sul joypad.

America story

Seconda puntata: Cile e Messico

Cile
Wembley 1998, Inghilterra-Cile, doppietta di un nanetto: "el matador". La Lazio l'aveva comprato da pochi giorni e io rimasi lì ad abbracciare il televisore come fantozzi quando dice togliti le mutande.
Nello stesso anno lo incontrò l'Italia al mondiale e ci fece impazzire anche lì, doppieta ancora una volta per lui, ecco lo sapevo ora mi metto a piangere ricordandolo.
Ma siccome sono una persona onesta cito allora il suo gemello del gol, Zamorano a cui invece è legata una triste (e mai esistita nemmeno questa) finale di UEFA a Parigi tra Lazio e Inter.

Messico
Mondiali '86, chi ha avuto modo di vedere in TV l'allenatore del Messico stanotte, avrà avuto un tuffo al cuore: signori, Hugo Sanchez, l'uomo cresciuto in un circo e inventore, molti anni prima dei nigeriani, delle capriole. Il Real Madrid con lui, Butragueno e Michel in quel periodo era qualcosa di semplicemente staordinario, da ammirare.
Mondiali '98, non ditemi che non vi ricordate lo straordinario ottavo di finale tra Germania e Messico, risolto a cinque minuti dalla fine da Oliver Bierhoff. I messicani tennero in scacco i tedeschi per lunghi tratti e tutti noi ci emozionammo tifando per il portiere più piccolo del mondo, tale Campos, e per il biondo Blanco che fece impazzire Matthaeus e compagni con funanbolici giochi di prestigio con il pallone. Io rimasi estasiato e il giorno dopo povrai a rifare alcuni di quei movimenti a calcetto: venne chiamato un operaio che lavorava a bordo campo con la sua fiamma ossidrica per sciogliere l'intreccio delle mie gambe.

Se potrà da domani fino a domenica i commenti verrano curati da
Ostin, con me l'appuntamento è per lunedì, sempre se Dio vorrà...

Modificato da fede - 28/06/07, 19:30

 

Vai alla homepage del gioco

Tutte le news (33)